• Gian Nicola Beraldo

Matrimoni e DPCM fino al 5 marzo 2021

Aggiornamento: 18 gen 2021



Anche per quest'anno 2021 appena iniziato, sembra che sposarsi possa essere un'operazione non così semplice per via delle restrizioni che puntualmente e periodicamente il governo impone a tutta la popolazione italiana. A parte le terribili ricadute inerenti la salute pubblica che la pandemia ha procurato in giro per il mondo, nel nostro paese abbiamo assistito a un vero e proprio massacro economico di determinate categorie nel vasto orizzonte del lavoro italiano. Anche noi dello Studio Icona Wedding, con la nostra sede a Novara in Piemonte, a una manciata di chilometri dalla Lombardia e in particolar modo da Milano, abbiamo visto il nostro lavoro da fotografo di matrimonio interessato dalla situazione attuale. A Novara per fortuna i danni a livello sanitario sono stati decisamente contenuti rispetto ad altre zone qua vicino, ma il fotografo di matrimonio non può essere indifferente alle difficoltà che incontrano gli sposi nella preparazione della loro grande festa.


Oggi che scriviamo è il 17 gennaio, l'ultimo DPCM è datato 14 gennaio 2021 (ovvero tre giorni fa) e indica nelle disposizioni finali la sua efficacia fino al 5 marzo 2021.

Per via del periodo particolare che generalmente segna l'inizio, benché in sordina, della stagione matrimoniale, abbiamo dato un'occhiata abbastanza approfondita al decreto in questione. Possiamo dire sin da subito che

non c'è nulla di certo per quanto riguarda la possibilità di pianificare con serenità i prossimi mesi perché è prevista all'interno del decreto stesso, la possibilità di modificare nella direzione di una maggiore così come di una minore severità le restrizioni presenti nel DPCM stesso.

Senza voler entrare nello specifico di diatribe politiche specifiche e verosimilmente interminabili, possiamo dire che l'incertezza riguardo alle motivazioni e alle modalità che regolamentano le disposizioni per le varie regioni, sono oggetto di ricorsi.


Detto questo diciamo subito che i matrimoni, a livello nazionale possono svolgersi purché nel rispetto delle oramai note regole sul distanziamento, sulla mascherine e sulle varie sanificazioni. Questo vale per tutte e tre le zone in cui possono ricadere le regioni: gialla, arancione, rossa.

Leggiamo infatti all'articolo 1 del DPCM in vigore, che per quanto riguarda le "Misure urgenti di contenimento del contagio sull'intero territorio nazionale" al comma 10 lettera q) "le funzioni religiose con la partecipazione di persone si svolgono nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal governo e dalle rispettive confessioni [...]"


Il che significa, come già detto, che è possibile svolgere il matrimonio nel rispetto delle regole come appunto appena citato.


Sempre in ambito nazionale invece il discorso per le feste è decisamente differente in quanto alla precedente lettera n) leggiamo: